Polli, tacchini ed altri avicoli

Home / Mangimi / Allevamento / Polli tacchini ed altri avicoli

L'avicoltura in Italia è un settore di primaria importanza sia per approccio tecnologico sia per dimensione. La produzione to tale può contare su circa 400 milioni di polli all'anno e 30 milioni di tacchini; questi numeri ci permettono di essere completamente autosufficienti. Il settore attualmente è quasi tutto rappresentato da allevamenti in filiera integrata di cui AIA rappresenta il principale attore. Filiera integrata significa controllo totale del processo produttivo a partire dall’acquisto dei riproduttori, passando attraverso la raccolta ed incubazione delle uova, fino all’allevamento e ritiro degli animali adulti. Particolare attenzione viene posta alla selezione di materie prime di altissima qualità che ci permettono di fornire ai nostri animali alimenti bilanciati e sicuri, formulati per ogni fase dell’allevamento. Tutti questi processi sono supportati da tecnici e veterinari che svolgono la loro attività con impegno e dedizione, collaborando con l’allevatore per massimizzare i risultati zooeconomici. L’esperienza maturata direttamente all’interno degli allevamenti integrati ci ha permesso, nel corso degli anni, di migliorare l’offerta di soluzioni tecniche (progettazione e conduzione di impianti, formulazione di piani alimentari personalizzati) a disposizione anche dei nostri clienti. Il fine ultimo è di garantire, attraverso il controllo totale della filiera, la qualità delle carni destinate al consumo. Il panorama di settore è completato dagli allevamenti di galletti, capponi, faraone e anitre.

Linee guida per l'allevamento

Prima dell’arrivo in allevamento dei volatili, le strutture (moderni capannoni, tunnel, semplici spazi coperti) dovranno sempre essere state adeguatamente pulite e, ove possibile, disinfettate.
Gli ambienti dovrebbero essere preparati almeno 24 ore prima dell’arrivo, garantendo una temperatura ambientale (misurata all’altezza degli animali) di circa 30°C ed un’umidità relativa intorno al 60-70%. Al momento dell’accasamento i volatili dovranno sempre trovare mangime in abbondanza (nelle mangiatoie e su strisce di carta poste sulla lettiera) e acqua pulita e fresca.
La lettiera deve essere costituita da materiale assorbente, soffice e isolante (trucioli di legno, paglia trinciata, lolla di riso, ecc.), distribuita in modo uniforme su tutta la superficie e con altezza pari ad almeno 8-10 cm. La lettiera bagnata o impaccata deve essere subito rimossa e/o adeguatamente fresata.
L’illuminazione dovrà essere uniforme e di intensità tale da aiutare l’individuazione dell’acqua e del mangime da parte dei pulcini. Nei primi 6-7 giorni dovrebbe essere mantenuta per almeno 22-23 ore al giorno: in quelli successivi il periodo di luce dovrà essere diminuito gradatamente, così come la temperatura ambientale. Sono sempre da evitare correnti d'aria e sbalzi repentini di temperatura.
Controllare, soprattutto nei primi giorni di vita, che gli animali si alimentino e assumano acqua in modo continuo, cercando di assicurare il miglior stato di benessere possibile (numero di capi per metro quadro, temperatura, ventilazione, stato della lettiera ecc.).

Sei un allevatore? Clicca qui per ottenere maggiori informazioni.


Back