Selvaggina

Home / Mangimi / Allevamento / Selvaggina

I volatili allevati in Italia per la caccia sono tutti dei galliformi ed appartengono alle famiglie dei tetraonidi (francolino) e dei fasianidi (fagiani, starne, pernici, quaglie).

Questi selvatici vengono allevati in allevamenti localizzati per il 90% nel nord del nostro paese.
Per quanto riguarda l’allevamento della selvaggina da carne, sempre in Italia vengono macellati annualmente circa 20 milioni di quaglie e, solo stagionalmente (in occasione delle feste natalizie), 20.000 fagiani.

Linee guida per l'allevamento

Il fagiano, che è la specie più allevata, viene allevato prevalentemente a ciclo chiuso.
Sono spesso infatti presenti in allevamento i riproduttori necessari a soddisfarne il fabbisogno di uova e quindi di animali.
L’allevamento di tutti i selvatici per la caccia è stagionale.
I fagianini vengono fatti nascere da aprile a luglio, ed il fagiano diventa adulto all’età di 5 mesi.
Il suo allevamento avviene in tre fasi:
- Svezzamento dei fagianini (da 1 a 30 giorni circa), che avviene sempre in capannone;
- Ambientamento dei fagianotti (da 30 a 60), periodo in cui gli animali possono accedere a voliere di ambientamento esterne al capannone;
- Allevamento in voliera (oltre i 60 giorni), fase in cui gli animali vivono quasi esclusivamente all’aperto in voliere dotate di molta vegetazione.

Per le altre specie (starne e pernici rosse) il  sistema di allevamento è molto simile per le prime due fasi, mentre il periodo in voliera è minore, essendo l’animale più precoce.
Il fagiano viene utilizzato per la caccia ai seguenti scopi:

Sei un allevatore? Clicca qui per ottenere maggiori informazioni.

Back